Blog

UV-C per un miglior controllo della qualità alimentare

Una nota citazione affermava “Sei quello che mangi” pensiero sempre di più attuale e comune, in questo periodo storico in cui i consumatori sono sempre più attenti alla scelta del prodotto e alla filiera che l’accompagna prima di arrivare nelle corsie del supermercato e sulle nostre tavole.
Questo fa si che le grandi aziende produttrici intervengano in tema di sicurezza e controllo per garantire qualità e tranquillità al consumatore finale.
L'utilizzo dei raggi UV-C fa parte della produzione alimentare da oltre 50 anni.
È dimostrato che il trattamento con raggi UV-C eliminano E. coli, Salmonella, Listeria e altri agenti patogeni di origine alimentare e sono un modo sicuro e comprovato per prolungare la conservazione di cibi e bevande.
 In termini di applicazioni i dispositivi a raggi UV-C possono essere installati:
-all’interno di banchi alimentari per la protezione dalla contaminazione.
Una grande percentuale di prodotti esposti nel banco frigo viene ritirata causa perdita di freschezza precoce del prodotto, o peggio ancora per deterioramento. La causa di tutto ciò è riconducibile a microrganismi come: batteri, funghi, muffe e loro spore che propagandosi attraverso l’aria e circolando all’interno dei banchi vendita, provocano la contaminazione incrociata fra alimenti.
A monte di questo un’attenta gestione del processo di conservazione e qualità avviene nella fase di produzione.
Analizzando una linea di produzione possiamo individuare diversi punti nei quali è di fondamentale importanza la presenza di una fonte UV-C germicida:
-Trattamento superficiale del prodotto, consente di eliminare qualsiasi agente contaminate superficiale.
-Trattamento e controllo della qualità dell’aria nel reparto di lavorazione/produzione. L’aria veicola i microrganismi, trattarla e purificarla da questi elementi garantisce una maggiore protezione del prodotto, eliminando il rischio di un prematuro deterioramento.
-Trattamento in fase di confezionamento: ad esempio per la disinfezione di film di confezionamento, nastri trasportatori, linee e giostre d’imbottigliamento per la disinfezione di bottiglie e loro capsule di chiusura, oltre che trattare gli stessi prodotti alimentari, decontaminando dai germi le superfici dei nastri, dei prodotti, delle confezioni, etc.
L'uso dell'UV-C è un metodo collaudato per migliorare la sicurezza e prolungare la durata di conservazione di molti prodotti alimentari.
Questa tecnologia non produce rischi per la sicurezza degli alimenti e delle bevande
Per saperne di più visita il nostro sito https://food.lightprogress.it/it/
Torna Indietro